Selle Italia – Guerciotti – Elite: Gaia Realini domina sui prati di Aprilia (LT)

Pubblicato 22 Novembre 2020 | Ciclocross / MTB

Come precedentemente annunciato quella di oggi, domenica 22 novembre, doveva essere la giornata del Gran Premio Mamma e Papà Guerciotti internazionale di ciclocross all’Idroscalo di Milano. Le problematiche del Covid 19 hanno costretto l’organizzazione della Selle Italia – Guerciotti – Elite a rimandare in data da destinarsi l’edizione dell’inverno 2020-21 dell’evento all’Idroscalo. Oggi è comunque una giornata felice per la società del presidente Paolo Guerciotti; i ciclocrossisti diretti da Vito Di Tano hanno vinto 2 corse in location diverse. La squadra di Milano grazie all’abruzzese Gaia Realini ha vinto la corsa femminile open di Aprilia (Latina) compresa nella challenge Lazio Cross. La grintosa pescarese, acquisto importante della Selle Italia-Guerciotti-Elite, ha età da under 23 e malgrado ciò ha ottenuto la vittoria assoluta precedendo la forte bergamasca Silvia Persico che essendo nata nel 1997 già appartiene alla categoria elite. Tra gli juniores ad Aprilia è giunto terzo Gabriel Fede (Selle Italia – Guerciotti – Elite).

DOLCE REPUBBLICA CECA – Jakob Dorigoni a Jicin (Repubblica Ceca) si è aggiudicato la prova del circuito Toi Toi Cup. In Repubblica Ceca i crossisti hanno gareggiato con una temperatura sotto gli zero gradi. “E’ stata una gara caratterizzata da numerose foratur e– ha spiegato Vito Di Tano – e la sfortuna ha bersagliato pure Dorigoni”. L’altoatesino di Casa Guerciotti ha forato nelle battute introduttive, perdendo una quarantina di secondi da Michael Boros, Campione nazionale della Repubblica Ceca. Boros a sua volta ha forato ed è stato raggiunto da Jakob. I due si sono contesi la vittoria allo sprint e il Campione d’Italia ha avuto la meglio. Terzo a 29” s’è classificato Jakub Riman. Il diesse Di Tano ha schierato pure Federico Ceolin: “Ha forato 5 volte – fa notare Vito – e si è dovuto ritirare. Incredibile, non si è mai vista una gara con tante forature”.

Il tecnico parla poi di Dorigoni: “E’ bello vederlo vincitore in Repubblica Ceca, Paese in cui il ciclocross ha un vasto seguito e il livello degli atleti è alto. In gran parte i protagonisti della gara di Jicin erano della Repubblica Ceca e il secondo classificato, Boros, è uno che si piazza in posizioni onorevoli nelle prove di Coppa del Mondo. Per Jakob è quindi una vittoria che conta. Dati i problemi di questa stagione ostacolata dal Covid alle gambe di Jakob mancano dei confronti continui con specialisti di Belgio e Olanda, utili a migliorare. Comunque è un Dorigoni in crescita”. In settimana il ct dei crossisti azzurri Fausto Scotti comunicherà i convocati per la prova di Tabor di Coppa del Mondo in programma nel prossimo weekend. La Selle Italia – Guerciotti – Elite spera di avere svariati convocati. “Coppa del Mondo a parte – aggiunge Vito – stiamo pianificando una serie di impegni agonistici in Belgio per Dorigoni nel mese di dicembre”. (Foto di Flaviano Ossola)

Alessandro Brambilla – Ufficio Stampa Selle Italia Guerciotti Elite

Comments are closed.