La crisi del Ciclismo e le misure drastiche dell’U.C.I. per salvare il movimento

Pubblicato 10 Aprile 2020 | Strada

Nell’attuale contesto della pandemia di coronavirus, il presidente della Unione Ciclistica Internationale (UCI) David Lappartient ha convocato una riunione straordinaria del comitato di gestione il 2 aprile. Durante l’incontro sono state adottate una serie di misure economiche per far fronte alle conseguenze sportive e finanziarie della crisi sanitaria mondiale per la Federazione internazionale, in una situazione caratterizzata dal rinvio – o addirittura dalla cancellazione – di tutte le prossime competizioni ciclistiche

Lo Stop del Ciclismo

La grave situazione del ciclismo internazionale, costretta a fermarsi diverse settimane fa fino almeno al 1 ° giugno 2020, è stata studiata a fondo. L’impatto della crisi sanitaria mondiale sul calendario internazionale dell’UCI è notevole: a partire da questa data, l’UCI ha ricevuto più di 650 richieste dagli organizzatori per il rinvio o la cancellazione di eventi in un periodo che attualmente si estende fino al mese di agosto. Questa dato rappresenta il 30% del calendario internazionale dell’anno. Strada e Mountain Bike sono le discipline più colpite. Ad esempio, il Giro d’Italia, il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix, tre prestigiosi eventi UCI WorldTour, sono stati rimandati. Allo stesso modo, i campionati mondiali di XCO di Albstadt (Germania) sono stati rinviati. Inoltre, è necessario riprogrammare diverse prove di Coppa del Mondo MTB UCI Mercedes-Benz, mentre altre devono essere annullate su richiesta degli organizzatori. Anche i campionati mondiali BMX Racing sono stati sospesi e sono a rischio di cancellazione anche quelli di paraciclismo e su strada.

In questa difficile situazione arriva anche il rinvio dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020, posticipati di un anno dal Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e che si terranno rispettivamente dal 23 luglio all’8 agosto 2021 e dal 24 agosto al 5 settembre 2021. Desiderando garantire la sicurezza degli atleti e l’equità sportiva tra le Nazioni per gli eventi ciclistici le cui procedure di qualificazione erano ancora in corso (Mountain Bike, BMX Racing, BMX Freestyle e paraciclismo su strada), l’UCI aveva fatto una proposta al CIO e all’IPC (Comitato Paralimpico Internazionale Comitato di interrompere le qualificazioni a partire dal 3 marzo, tenendo conto che fino a tale data in nessuna nazione era stato impedito realizzare eventi. L’UCI continua a confrontarsi su questo punto con il CIO e l’IPC dato il rinvio dei prossimi Giochi Olimpici e Paralimpici al 2021. È chiaro che tutti questi rinvii e cancellazioni porteranno, sfortunatamente, una significativa riduzione dei ricavi per l’UCI.

L’inattività che grava pesantemente sulle finanze dell’U.C.I.

L’attuale pandemia sta colpendo duramente gli organizzatori di eventi ciclistici. Un numero considerevole di gare è stato annullato e l’UCI ha raccomandato a tutti gli organizzatori di competizioni in zone a rischio di annullare le proprie manifestazioni. In solidarietà e nell’ambito delle misure di sostegno messe in atto dall’inizio della crisi, l’UCI rimborserà tutte le tasse di registrazione agli organizzatori degli eventi annullati. Le tasse di registrazione rappresentano una parte significativa delle entrate dell’UCI; questa iniziativa avrà conseguenze sui risultati finanziari dell’UCI.

Consapevole dell’impatto dell’attuale crisi nel settore professionistico, l’UCI ha creato un gruppo di lavoro, composto da rappresentanti dei corridori (CPA), dei team (AIGCP) e UCI stessa. Insieme si è disegnato il quadro che consentirà ai team che si trovano ad affrontare gravi difficoltà finanziarie di essere in grado di adottare le misure necessarie affinché possano continuare nel contesto della pandemia. Con questa flessibilità temporanea, approvata dai tutti gli operatori del ciclismo su strada professionistico, l’UCI desidera supportare i team le cui attività sono state toccate dal Covid-19, pur mantenendo il rispetto dei diritti dei ciclisti e in conformità con il regolamento UCI. Ulteriori misure di supporto potrebbero essere prese durante le discussioni periodiche dell’UCI con i suoi partner, a seconda dell’evoluzione della situazione.

Particolare attenzione viene data ai Campionati del Mondo e alle prove di Coppa del Mondo. I round della Mercedes-Benz UCI Mountain Bike World Cup sono particolarmente importanti in termini di entrate per la nostra organizzazione. Il rinvio o la cancellazione di numerosi eventi dell’UCI nonché la situazione economica generale hanno ovviamente avuto un impatto sulle attività di marketing complessive della nostra Federazione. Per quanto riguarda i Campionati mondiali UCI, gli effetti del Covid-19 sono già stati avvertiti con i rinvii degli UCI BMX World Championships a Houston (Stati Uniti) e degli UCI Mountain Bike Cross-country World Championships Mercedes-Benz ad Albstadt. La situazione degli UCI Road World Championships del 2020 ad Aigle-Martigny (Svizzera) è ovviamente seguita da vicino, anche se questi sembrano essere al sicuro dalle conseguenze di Covid-19, data la loro data (20-27 settembre).

Inoltre, il rinvio dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020 comporterà una notevole perdita di guadagni per l’UCI. Dobbiamo prevedere sia un possibile rinvio – fino al 2021 – delle revenue olimpiche, inizialmente previsto nel secondo semestre 2020, sia una probabile riduzione della somma pagata alle Federazioni Internazionali (IF). Questo importo consente all’UCI di adempiere alla sua missione di sviluppo nei confronti delle sue 196 Federazioni nazionali durante tutto il ciclo olimpico, tramite il Centro ciclistico mondiale UCI (WCC) e i suoi centri satellite in tutto il mondo. L’UCI è una delle poche federazioni internazionali con questo tipo di Centro e dal 2002 ha formato circa 120 atleti ogni anno. Seguiamo da vicino questo aspetto e siamo in costante contatto con il CIO che sta attualmente esaminando i costi aggiuntivi derivanti dal rinvio.

Allo stesso tempo, l’UCI sta affrontando un’interruzione delle sue attività commerciali dopo la chiusura, il 16 marzo, della sua sede ad Aigle (Svizzera) al pubblico. Allo stesso modo, l’UCI WCC ha interrotto temporaneamente le sue attività di allenamento dopo aver deciso che gli atleti in formazione sarebbero tornati nei rispettivi paesi. Gli atleti UCI di alto livello continuano ad essere allenati, a distanza, nell’ambito del loro programma di allenamento e per mantenere il loro livello sportivo. Infine, va notato che il portafoglio finanziario dell’UCI ha risentito degli effetti della pandemia sui mercati finanziari, combinata con il crollo dei prezzi del petrolio.

La buona gestione delle nostre attività nel corso degli anni e la nostra strategia di vendita dei nostri Campionati del mondo UCI con largo anticipo ci consentiranno di onorare il nostro impegno nei confronti della famiglia ciclistica e superare questa crisi con danni limitati, purché la situazione non duri più a lungo delle previsioni attuali.

Un piano necessario per ridurre i costi

In un contesto sanitario ed economico in cui non si ha una visione chiara di quando la crisi finirà, l’UCI ha stabilito diversi scenari di impatto degli eventi attuali. Consapevole che la situazione è preoccupante, il Comitato di gestione dell’UCI ha approvato un piano di riduzione dei costi senza precedenti, con i seguenti punti principali:

– I leader dell’UCI (eletti e dirigenti) hanno deciso di ridurre i loro stipendi o indennità

– Ricorso agli ammortizzatori sociali totali o parziali – in percentuali diverse – per tutti i 130 dipendenti dell’UCI e dell’UCI WCC

– Blocco delle assunzioni per un periodo indefinito

– Revisione totale dei progetti e degli obiettivi fissati per il 2020 e per gli anni successivi

– Ridimensionamento di progetti di solidarietà per le Federazioni nazionali

– Generalizzazione di riunioni virtuali per il Comitato Direttivo, Commissioni UCI e seminari

– Riesame (in corso) di contratti di fornitori di servizi in occasione di eventi, consulenti e fornitori generali

“La nostra Federazione Internazionale sta attraversando una crisi che non abbiamo sperimentato dalla Seconda Guerra Mondiale”, ha dichiarato il Presidente dell’UCI David Lappartient. “L’inattività sta colpendo atleti, squadre, organizzatori, partner e la stragrande maggioranza delle persone e delle organizzazioni che contribuiscono alla vitalità del nostro sport, in tutte le sue discipline. L’UCI, organo di governo del ciclismo, non è stato risparmiato, tutt’altro. Il rinvio dei Giochi olimpici e paralimpici di Tokyo 2020, la moltiplicazione dei rinvii e le cancellazioni di eventi sul calendario internazionale UCI e l’incertezza che pesa sulla seconda parte della stagione stanno avendo un grande impatto sul nostro sport in generale e sulla nostra Federazione in particolare. È tempo che la famiglia del ciclismo si raduni e, in modo unitario, prepari il nostro sport a riprendersi da questa crisi sanitaria ed economica. Ognuno di noi è chiamato ad essere unito, responsabile e forte. Ecco perché l’UCI ha intrapreso alcune azioni drastiche che dovrebbero consentirgli di resistere alla tempesta. Queste scelte sono difficili ma necessarie se vogliamo ricostruire il ciclismo post-Covid-19.” (Foto di Flaviano Ossola)

Comunicato Stampa

Comments are closed.