Selle Italia – Guerciotti – Elite: Francesca Baroni domina anche a Gorizia

Pubblicato 10 Dicembre 2018 | Ciclocross / MTB

In due giornate di gare internazionali tre successi e un secondo posto. E’ questo il bottino della Selle Italia – Guerciotti – Elite, squadra che svolge attività ciclocrossistica con la direzione tecnica dell’ex Campione del Mondo Vito Di Tano. Ieri a Faè di Oderzo, nella pianura trevigiana, la squadra milanese ha centrato il successo nella prova femminile open grazie a Francesca Baroni e il secondo posto nella open maschile col valtellinese Gioele Bertolini. Oggi a Gorizia, nell’ evento valido quale prova del Master Ciclocross, Francy Baroni ha trionfato ancora. Nella “open donne” la graziosa bionda della Versilia ha varcato il traguardo con 15” su Alessia Bulleri, pure lei toscana ma dell’Isola d’Elba, e terza si è classificata la friulana Sara Casasola a 46”.

Bertolini a Gorizia si è aggiudicato la gara open maschile con 8” su Nadir Colledani, particolarmente incitato essendo della vicina provincia di Udine, e 40” sul terzo, il bresciano Cristian Cominelli. Va sottolineato che nella open uomini il quarto posto assoluto, ad 1’03” da Bertolini, l’ha conquistato Jakob Dorigoni, Campione d’Italia under 23, anch’egli vessillifero Selle Italia – Guerciotti – Elite. L’altoatesino Dorigoni è stato il migliore degli under 23 in corsa a Gorizia, mentre il varesino Stefano Sala, altro portacolori della squadra di Paolo Guerciotti, ha chiuso al sesto posto assoluto ad 1’42” da Bertolini.

A Gorizia hanno corso anche gli juniores maschi; si è imposto Toneatti con Tommaso Bettuzzi (Selle Italia-Guerciotti-Elite) nono a 2’13”. Bertolini sui prati e sentieri del Friuli-Venezia Giulia ha ottenuto la prima vittoria della stagione invernale 2018-19. “Gli sportivi del Friuli Venezia Giulia – ha detto il valtellinese della Selle Italia Guerciotti Elite – incitavano molto Colledani, che è udinese. In effetti Colledani è stato fortissimo e averlo battuto è un grande merito”. Inizialmente Bertolini ha pilotato la corsa con i coequipiers Sala e Dorigoni, e naturalmente gli altri avversari principali. “Speravo che Dorigoni e Sala rimanessero con me, invece a 4 giri dal termine ha perso contatto prima Sala e poi anche Dorigoni. Nei successivi due giri ho tentato più volte di distanziare Colledani, senza riuscirci. Nadir ha ceduto solo a due giri dalla conclusione e io poi ho gestito il vantaggio”. Il circuito disegnato dagli organizzatori isontini era pieno di cunette.

Mi sono trovato a mio agio – assicura Bertolini – poiché sono abituato a gareggiare in mountainbike. La temperatura era alta, surreale per un cimento di cross nel mese di dicembre, però a me è andata bene”. La prima vittoria stagionale per Gioele è arrivata un po’ in ritardo rispetto alle stagioni precedenti: “A fine novembre – spiega Gioele – un virus mi ha debilitato, tuttavia ora il peggio è passato. Ringrazio il direttore sportivo Vito Di Tano e tutta la società di Guerciotti per l’amicizia e l’assistenza. Spero di regalare ai miei dirigenti grosse soddisfazioni nella fase clou della stagione”. (Foto di Flaviano Ossola)

Alessandro Brambilla – Ufficio Stampa Selle Italia Guerciotti Elite

Comments are closed.