S.C. Michela Fanini: c’e’ da onorare la maglia sulle strade del “Giro Rosa U.C.I. WWT”

Pubblicato 3 Luglio 2018 | Strada

Sarà difficile (se non impossibile) eguagliare l’impresa di Michela Fanini che nel 1994, a soli 21 anni, pochi mesi prima della prematura scomparsa, si aggiudicò con grande autorità il Giro d’Italia. La squadra “Michela Fanini”, però, proverà a lasciare l’impronta nella prossima avventura rosa che sta per iniziare (dal 6 al 15 luglio). Per sovvertire ogni pronostico, per dare battaglia e per onorare la maglia il direttore sportivo Mirko Puglioli ha convocato le italiane Francesca Balducci, Anna Ceoloni e Greta Marturano e le straniere Olecka Shekel (neo campionessa d’Ucraina), la connazionale Evgenjia Vysotska, l’ungherese Monika Kiraly e la venezuelana Lilibeth Chacon.

A proposito dei campionati nazionali va detto che oltre ai titoli e alle medaglie arrivate dall’Estonia, per il team di patron Brunello Fanini sono arrivate buone notizie anche dall’Ungheria grazie a Monika Kiraly che ha portato a casa l’argento sia nella prova a cronometro che in quella in linea. “Al Giro d’Italia – ha sottolineato il ds Puglioli – abbiamo molte carte da giocare. Proveremo a far classifica con l’ucraina Vysotska, a far bene nelle tappe di montagna con la venezuelana Chacon e ad inseguire la maglia delle giovani con la Marturano. Le altre dovranno fare un ottimo lavoro di squadra e, comunque, avranno libertà di provarci ogni giorno. Sono fiducioso”. (Foto di Flaviano Ossola)

Maurizio Tintori – Ufficio Stampa S.C. Michela Fanini

Comments are closed.