Ale’ – Cipollini: vigilia della prestigiosa “Freccia Vallone U.C.I. WWT”

Pubblicato 17 Aprile 2018 | Strada

Quando si pensa alla seconda prova del Trittico delle Ardenne, in programma domani mercoledì 18 aprile, il pensiero va diretto al Muro di Huy e le sue durissime pendenze. Per la corsa femminile, valida per il Women’s World Tour, questo luogo è anche sede di partenza, oltre che del suo ormai storico traguardo, che arriva dopo oltre 118 chilometri. La prima parte di corsa, di 70.5 km, si affronta su un tracciato vallonato ma senza particolari asperità, che cominciano all’ingresso del lungo circuito conclusivo con due giri da ripetere e che includono la Cote d’Ereffe, la Cote de Cherave e lo strappo finale che arriva a toccare il 20%.

Confermata in toto la formazione che ha partecipato domenica all’Amstel Gold Race: le olandesi Janneke Ensing e Roxane Knetemann, le italiane Anna Trevisi e Soraya Paladin, la spagnola Ane Santesteban Gonzalez e la giapponese Mayuko Hagiwara, dirette in ammiraglia da Fortunato Lacquaniti. Proprio il Team Manager #YellowFluoOrange ha dichiarato alla vigilia: “L’Amstel è stata una gara dura per tutti, ma il Muro di Huy rende il finale della Freccia Vallone ancora più difficile. Sarà importante prendere le prime posizioni ai piedi della salita, mantenendo altissima la concentrazione. Chi starà meglio dovrà provarci.” (Foto di Flaviano Ossola)

LINE-UP FRECCIA VALLONE UCI WWT:
– Janneke ENSING (Paesi Bassi)
– Roxane KNETEMANN (Paesi Bassi)
– Soraya PALADIN (Italia)
– Anna TREVISI (Italia)
– Ane SANTESTEBAN GONZALEZ (Spagna)
– Mayuko HAGIWARA (Giappone)
Team Manager: Fortunato LACQUANITI (Italia)

ENGLISH VERSION – THE TEAM ALE’ – CIPOLLINI AT LA FLECHE WALLONNE

When someone thinks about the second Ardennes Classic race that will take place tomorrow, Wednesday 18th April, the first thought goes immediately on the Mur de Huy and its extremely hard slopes. In the Women’s Race, valid for the Women’s World Tour, this place is not only the classical finish after 118.5 kms but as well the start. The first part of La Fleche Wallonne, of 70.5 kms is hilly but without particular climbs, which begin at the entrance of the final circuit and its two laps including the Cote d’Ereffe, the Cote de Cherave and the final climb that reaches 20%.

The line-up that participated last Suday at the Amstel Gold Race has been confirmed: there are two Dutch Janneke Ensing and Roxane Knetemann, the Italians Anna Trevisi and Soraya Paladin, the Spanish Ane Santesteban Gonzalez, and the Japanese Mayuko Hagiwara. Fortunato Lacquaniti will direct the team from the car. The #YellowFluoOrange Team Manager declared at the race eve: “The Amstel Gold Race has been hard for everyone but the Mur de Huy will make the final of the Fleche Wallonne harder. It will be very important to stay in the front at the begin of the climb and keep a high concentration. Who will feel better must give a try.” (Photo Flaviano Ossola)

LINE UP LA FLECHE WALLONNE UCI WWT:
– Janneke ENSING (Netherlands)
– Roxane KNETEMANN (Netherlands)
– Soraya PALADIN (Italy)
– Anna TREVISI (Italy)
– Ane SANTESTEBAN GONZALEZ (Spain)
– Mayuko HAGIWARA (Japan)
Team Manager: Fortunato LACQUANITI (Italy)

Ufficio Stampa Alè Cipollini

Comments are closed.