G.S. Top Girls – Fassa Bortolo: sei atlete al via della “Strade Bianche U.C.I. WWT”

Pubblicato 1 Marzo 2018 | Strada

Dopo il primo rodaggio sulle strade della “Setmana Ciclista Valenciana”, il G.S. Top Girls – Fassa Bortolo di Lucio Rigato si appresta a vivere un grande appuntamento sulle strade italiane. Sabato 3 marzo, infatti, la compagine trevigiana si schiererà ai nastri di partenza della prestigiosa “Strade Bianche Women Elite”, competizione internazionale valevole come prima prova dell’U.C.I. Women’s World Tour 2018, la competizione mondiale in prove multiple che ha preso il posto della Coppa del Mondo. Le ‘orsette’ arancio-blu convocate per l’importante manifestazione senese sono: l’ex campionessa europea junior Nadia Quagliotto, la vicentina di Cassola Beatrice Rossato, la bolzanina Francesca Pisciali, la forte scalatrice di Ardola di Zibello (PR) Vania Canvelli, la ventenne passista lombarda Chiara Perini e la non ancora diciannovenne Laura Tomasi, all’esordio assoluto nella massima categoria.

136 gli impegnativi chilometri di gara, spalmati sulle strade di un percorso ricco di saliscendi che tocca le località di: Siena (Fortezza Medicea), Volte Basse, Rosia, San Rocco a Pilli, Grotti, Vescovado, Buonconvento, Ponte d’Arbia, Monteroni d’Arbia, Arbia, Castelnuovo Berardenga, San Piero, Vico d’Arbia, Colle Pinzuto, Le Tolfe e Siena (Piazza del Campo). Poco più di 30 i chilometri di ‘strade bianche’ divisi in 8 impegnativi settori, che senza dubbio faranno grande selezione. Il ritrovo è fissato alle ore 8:00 in punto presso la Fortezza Medicea di Siena, mentre la partenza ufficiale verrà data alle ore 9:00. (Foto di Flaviano Ossola)

G.S. TOP GIRLS – FASSA BORTOLO ALLA “STRADE BIANCHE U.C.I. WOMEN’S WORLD TOUR” (SIENA):
– Canvelli Vania (Italia, 21.10.1997)
– Perini Chiara (Italia, 09.12.1997)
– Pisciali Francesca (Italia, 19.05.1998)
– Quagliotto Nadia (Italia, 22.03.1997)
– Rossato Beatrice (Italia, 06.11.1996)
– Tomasi Laura (Italia, 01.07.1999)

Cycling Communication – Ufficio Stampa G.S. Top Girls Fassa Bortolo

Comments are closed.