Coppa del Mondo su Pista: trionfo finale delle Azzurre nell’Inseguimento

Pubblicato 20 Gennaio 2018 | Pista

Si è conclusa la seconda giornata dell’ultima prova di Coppa del Mondo pista 2017/2018 in corso a Minsk (Bielorussia). L’Italia ha conquistato il secondo argento nell’inseguimento a squadre femminile dopo quello di Maria Giulia Confalonieri nella corsa a punti. Le ragazze di Salvoldi, nonostante gli avvicendamenti, hanno raggiunto una costanza di rendimento pregevole, che frutta all’Italia il primato nella classifica finale di Coppa della specialità olimpica con 3700 punti. Seguono il Canada (p. 2700) e la Francia (p. 2650). Nella finale di Minsk gli Stati Uniti schierano un quartetto molto competitivo (Jennifer Valente, Chloe Dygert, Kelly Catlin e Kimberly Geist), che vola e vince in 4’15”673 contro i 4’23”921 di Simona Frapporti, Elisa Balsamo, Marta Cavalli e Martina Alzini. Quest’ultima ha sostituito Letizia Paternoster dopo le qualifiche e poi si classifica undicesima nello scratch vinto dalla svizzera Aline Seitz davanti alla britannica Elinor Barker e all’olandese Amy Pieters. Il Canada fa sua la finale per bronzo superando le francesi che non concludono la prova.

Ma veniamo alla splendida prestazione di Letizia Paternoster nell’omnium olimpico. L’azzurra partiva nella corsa a punti finale dal quarto posto parziale con 94 punti, preceduta dall’olandese Wild Kirsten (108 punti), dalla britannica Elinor Barker (104 punti) e dalla statunitense Jennifer Valente (102 punti). Le posizioni non sono cambiate al termine del carosello conclusivo. ma i punteggi finali indicano che Letizia è stata la migliore delle big nell’ultima delle quattro prove, tuttavia l’entusiasmante rimonta non è bastata a portarla sul podio. Ha concluso con 112 punti a due sole lunghezze dall’americana Valente (114), a sette dalla britannica Elinor Barker (119) e a dieci dall’ olandese Kirsten Wild, vincitrice con 122 punti. Questi i parziali della Paternoster: terza nello scratch, sesta nella gara a tempo, quarta nell’eliminazione, prima nella corsa a punti.

Si è già detto dell’ottimo sesto posto di Marco Coledan nell’inseguimento individuale, gara impreziosita dall’exploit tecnico del britannico Charlie Tanfield, vincitore della finale in 4’12”263 davanti al portoghese Ivo Oliveira, secondo in 4’19”718. Bronzo al russo Alexander Evtushenko. La velocità individuale donne è stata dominata dalla tedesca Pauline Sophie Grabosch, che ha battuto nella finale la lituana Simona Krupeckaite, terza la belga Nicky Degrendele. Le azzurre Elena Bissolati e Miriam Vece si sono fermate ai sedicesimi. Stessa sorte per Luca e Davide Ceci nel keirin. Non hanno superato l’ostacolo dei recuperi. La prova è stata vinta da Matthijs Buchli davanti al canadese Stefan Ritter, terzo Lewis Oliva (Wal).

Gli olandesi del Beat Cycling Club, Roy Van Den Berg, Matthijs Buchli e Theo Bos, si sono impost nella velocità a squadre in 43”397 davanti ai polacchi. Rafal Sarnecki, Mateusz Rudyk e Kamil Kuczynski (44”116). Bronzo ai francesi Benjamin Edelin, Michael D’Almeida e Quentin Lafargue in 43”948. Chiusura spettacolare della giornata con il madison maschile. Si sono imposti al termine di un serrato confronto i cinesi di Honk Kong Wing Leung Chun e King Lok Cheung con 30 punti. Secondi gli olandesi Roy Pieters e Wim Stroetinga con 27 punti, terzi i portoghesi Rui ed Ivo Oliveira con 20 punti. Onorevole piazzamento nella Top Ten degli azzurri Francesco Lamon e Davide Plebani. (Foto tratta dal sito internet ufficiale della F.C.I. – www.federciclismo.it)

ORDINE D’ARRIVO INSEGUIMENTO A SQUADRE:
– FINALE 1-2:
1) STATI UNITI (Valente Jennifer, Dygert Chloe, Catlin Kelly, Geist Kimberly) 4’15”673
2) ITALIA (Frapporti Simona, Balsamo Elisa, Alzini Martina, Cavalli Marta) 4’23”921
– FINALE 3-4:
3) CANADA (Attwell Erin, Collier Devaney, Coles-Lyster Maggie, Jussaume Laurie)
4) FRANCIA (Borras Marion, Berteau Victoire, Lamboley Soline, Le Net Marie) – DNF

CLASSIFICA GENERALE FINALE DI COPPA DEL MONDO “INSEGUIMENTO A SQUADRE”:
1) Italia – Punti 3700
2) Canada p. 2700
3) Francia p. 2650
4) Giappone 2350
5) Germania 2150
6) Cina 2050
7) Russia 1950
8) Nuova Zelanda 1900
9) Gran Bretagna 1800
10) Ucraina 1700

VELOCITÀ:
– QUALIFICAZIONI: 1. Grabosch Pauline Sophie (Ger) 10.852; 2. Van Riessen Laurine (Mpc) 10.898; 3. Krupeckaite Simona (Ltu) 10.947; 4. Lee Wai Sze (Hkg) 10.952; 5. Degrendele Nicky (Bel) 11.005; 6. Ligtlee Elis (Ola) 11.013; 7. Lee Hyejin (Kor) 11.034; 8. Basova Liubov (Ucr) 11.054; 9. Marozaite Migle (Ltu) 11.063; 10. Hinze Emma (Ger) 11.179; 11. Bate Lauren (Gbr) 11.199; 12. James Rachel (Wal) 11.257; 13. Kim Wongyeong (Cor) 11.288; 14. Stewart Robyn (Irl) 11.336; 15. Guo Yufang (Cina) 11.386; 16. Los Urszula (Pol) 11.410; 17. Sukhareva Anastasia (Rus) 11.558; 18. Bissolati Elena (Ita) 11.661; 19. Antonova Natalia (Rus) 11.755; 20. Karwacka Marlena (Pol) 11.779; 21. Vece Miriam (Ita) 11.812; 22. Deborah Deborah (Ind) 11.967
– QUARTI DI FINALE:
1) Grabosch Pauline Sophie (Ger); 2) Basova Liubov (Ucr)
1) Van Riessen Laurine (Mpc); 2) Hinze Emma (Ger)
1) Krupeckaite Simona (Ltu); 2) Ligtlee Elis (Ola)
1) Degrendele Nicky (Bel); 2) Lee Wai Sze (Hkg)
– SEMIFINALI:
1) Grabosch Pauline Sophie (Ger); 2) Degrendele Nicky (Bel)
1) Krupeckaite Simona (Ltu); 2) Van Riessen Laurine (Mpc)
FINALE 1-2:
1) Grabosch Pauline Sophie (Ger)
2) Krupeckaite Simona (Ltu);
FINALE 3-4:
3) Degrendele Nicky (Bel)
4) Van Riessen Laurine (Mpc)

OMNIUM:
– 1^ PROVA – SCRATCH: 1. Savenka Ina (Blr); 2. Valente Jennifer (Usa); 3. Paternoster Letizia (Ita); 4. Stenberg Anita Yvonne (Nor); 5. Wild Kirsten (Ola); 6. Baleisyte Olivija (Ltu); 7. Barker Elinor (Gbr); 8. Waldis Andrea (Svi); 9. Eberhardt Verena (Aut); 10. Kaczkowska Justyna (Pol); 11. Kullmer Lisa (Ger); 12. Usabiaga Balerdi Irene (Spa); 13. Salazar Vazquez Lizbeth Yarely (Mex); 14. Collier Devaney (Can); 15. Wang Xiaofei (Cina); 16. Augustinas Evgenia (Rus); 17. Machacova Jarmila (Cze); 18. Diao Xiaojuan (Hkg); 19. Borras Marion (Fra); 20. Medvedova Tereza (Svk)
– 2^ PROVA – TEMPO RACE: 1. Barker Elinor (Gbr) 31; 2. Wang Xiaofei (Cina) 3; 3. Wild Kirsten (Ola) 1; 4. Baleisyte Olivija (Ltu) 1; 5. Waldis Andrea (Svi) 1; 6. Borras Marion (Fra) 1; 7. Paternoster Letizia (Ita) 0; 8. Valente Jennifer (Usa) 0; 9. Kaczkowska Justyna (Pol) 0; 10. Eberhardt Verena (Aut) 0; 11. Kullmer Lisa (Ger) 0; 12. Collier Devaney (Can) 0; 13. Usabiaga Balerdi Irene (Spa) 0; 14. Machacova Jarmila (Cze) 0; 15. Stenberg Anita Yvonne (Nor) 0; 16. Salazar Vazquez Lizbeth Yarely (Mex) 0; 17. Savenka Ina (Blr) 0; 18. Diao Xiaojuan (Hkg) 0; 19. Augustinas Evgenia (Rus) -16; 20. Medvedova Tereza (Svk) -16
– 3^ PROVA – ELIMINAZIONE: 1. Wild Kirsten (Ola), 2. Valente Jennifer (Usa); 3. Barker Elinor (Gbr); 4. Wang Xiaofei (Cina); 5. Usabiaga Balerdi Irene (Spa); 6. Paternoster Letizia (Ita); 7. Baleisyte Olivija (Ltu); 8. Salazar Vazquez Lizbeth Yarely (Mex), 9. Waldis Andrea (Svi); 10. Collier Devaney (Can); 11. Eberhardt Verena (Aut); 12. Kullmer Lisa (Ger); 13. Stenberg Anita Yvonne (Nor); 14. Borras Marion (Fra); 15. Kaczkowska Justyna (Pol); 16. Savenka Ina (Blr); 17. Augustinas Evgenia (Rus); 18. Medvedova Tereza (Svk); 19. Diao Xiaojuan (Hkg); 20. Machacova Jarmila (Cze)
– 4^ PROVA – CORSA A PUNTI E CLASSIFICA GENERALE FINALE:
1) Wild Kirsten (Ola) – Punti 122
2) Barker Elinor (Gbr) p. 119
3) Valente Jennifer (Usa) p. 114
4) Paternoster Letizia (Ita) p. 112
5) Baleisyte Olivija (Ltu) p. 92
6) Waldis Andrea (Svi) p. 85
7) Wang Xiaofei (Cina) p. 84
8) Savenka Ina (Blr) p. 73
9) Eberhardt Verena (Aut) p. 68
10) Usabiaga Balerdi Irene (Spa) p. 66

ORDINE D’ARRIVO SCRATCH:
1) Seitz Aline (Svi)
2) Barker Elinor (Gbr)
3) Pieters Amy (Ola)
4) Salazar Vazquez Lizbeth Yarely (Mex)
5) Bacikova Alzbeta (Svk)
6) Baleisyte Olivija (Ltu)
7) Diao Xiaojuan (Hkg)
8) Tserah Hanna (Blr)
9) Averina Mariia (Rus)
10) Birch Christina (Usa)
11) Alzini Martina (Ita)
12) Eberhardt Verena (Aut)
13) Stenberg Anita Yvonne (Nor)
14) Kullmer Lisa (Ger)
15) Olaberria Dorronsoro Leire (Gob)
16) Kankovska Ema (Cze)
17) Ferreres Navarro Isabel (Spa)
18) Pensaari Pia (Fin)
19) Klimchenko Tetyana (Ucr)

Comunicato Stampa a cura della F.C.I. – www.federciclismo.it

Comments are closed.