Coppa del Mondo su Pista: a Santiago (Cile) secondo tempo per le Azzurre

Pubblicato 9 Dicembre 2017 | Pista

La quarta prova di Coppa del Mondo Pista a Santiago del Cile si è aperta con le qualificazioni dell’inseguimento a squadre donne e uomini. Dopo la pausa di Milton, in Canada, sono tornati in gara nella specialità anche i quartetti azzurri. La formazione schierata dal Ct Salvoldi – Elisa Balsamo, Simona Frapporti, Francesca Pattaro e Silvia Valsecchi – passa al primo turno con il secondo tempo di 4’22”572, dietro la Nuova Zelanda (Sheath Racquel, Botha Bryony, Buchanan Rushlee, James Kirstie) miglior tempo in 4’21”590. Le azzurre affronteranno il Giappone, terzo tempo in 4’28”145 per ottenere il pass alla finale oro-argento di oggi contro la vincitrice del confronto Nuova Zelanda-Ucraina, quarto tempo in 4’32”824.

In campo maschile quinto tempo di qualificazione per Francesco Lamon, Michele Scartezzini, Davide Plebani e Davide Viganò in 4’05”709. Primo tempo ancora della Nuova Zelanda (Sexton Thomas, Stewart Campbell, Gray Jared, Kergozou Nicholas) in 3’58”071, che affronterà la Germania (Beyer Maximilian, Frahm Jasper, Lampater Leif, Rohde Leon) quarto tempo in 4’04”570 nella sfida per il passaggio alla finale oro-argento di domenica, mentre l’altra finalista sarà la vincitrice tra Usa, secondo tempo in 4’02”798 e Giappone, terzo tempo in 4’03”843. L’Italia potrebbe rientrare in gioco per la finale del bronzo. (Foto di Flaviano Ossola)

INSEGUIMENTO A SQUADRE DONNE – QUALIFICAZIONI
1) NUOVA ZELANDA (Sheath Racquel, Botha Bryony, Buchanan Rushlee, James Kirstie) 4’21”590
2) ITALIA (Balsamo Elisa, Frapporti Simona, Pattaro Francesca, Valsecchi Silvia) 4’22”572
3) GIAPPONE (Hashimoto Yuya, Kajihara Yumi, Furuyama Kie, Nakamura Kisato) 4’28”145
4) UCRAINA (Kliachina Oksana, Kononenko Valeriya, Nahirna Anna, Solovei Ganna) 4’32”824
5) CINA (Wang Xiaofei, Chen Qiaolin, Jin Chenhong, Wang Hong) 4’32”987
6) GERMANIA (Kullmer Lisa, Paller Tatjana, Brausse Franziska, Sussemilch Laura) 4’38”730

Comunicato Stampa a cura della F.C.I. – www.federciclismo.it

Comments are closed.