“G.P. della Liberazione Pink” a Roma: vittoria con dedica per Marta Bastianelli

Pubblicato 26 Aprile 2017 | Strada

Marta Bastianelli ha vinto il secondo Gran Premio della Liberazione Pink che si è disputato a Roma, sul tradizionale circuito delle Terme di Caracalla. Esattamente come un anno fa, dunque, la corsa più importante del calendario italiano in questa primavera inoltrata ha visto il successo della ciclista di Lariano (RM) che ha comandato la corsa fin dalla partenza: “Non è stato facile – ha spiegato Marta Bastianelli dopo l’arrivo vittorioso – perché la squadra era tornata alla vigilia dalla gara in Belgio e non eravamo al completo. Però tutte si sono impegnate al massimo, specialmente la Paladin a cui va il merito principale. A me è bastato scattare nel finale per avere ragione delle avversarie”. Spiegata la tattica di gara, Marta Bastianelli è passata alla dedica, evidente in tutta la sua bellezza proprio sul traguardo; un dito e lo sguardo rivolto al cielo per salutare Michele Scarponi, il corridore scomparso tragicamente in un incidente stradale e ricordato oggi alla partenza con un minuto di silenzio: “Il mio successo va tutto a Michele – ha dichiarato con la voce rota dall’emozione – Michele era un amico di famiglia ed io oggi ero determinata a vincere proprio per dedicare a lui il successo. Non è stato semplice perché non ho ancora la condizione ottimale; il clou della stagione deve arrivare. Ora parto per gli impegni che mi aspettano in giro nel mondo. La mia stagione prosegue con un obiettivo principale, il Campionato Europeo.

Il Gran Premio della Liberazione Pink, come sempre avviene nel mondo delle donne elite, ha suscitato forti emozioni; al via della competizione si sono allineate 79 corridori tra cui alcune delle migliori d’Italia ad iniziare proprio da Marta Bastianelli che ha messo la sua squadra al lavoro per tenere cucito più possibile il gruppo. Tutti i tentativi sono stati respinti dai corridori della Ale Cipollini, squadra intenzionata a ripetere il successo dello scorso anno. A metà gara, cioè dopo 8 dei giri compiuti su un totale di 16 giri in programma, Anna Ceoloni (Michela Fanini) ha gettato il cuore in una fuga solitaria. Il vantaggio della battistrada ha sfiorato il minuto ma poi il gruppo ha reagito e si è riportato sotto a meno di 27 chilometri dall’arrivo. A sette chilometri dalla conclusione Marta Bastianelli ha sferrato il suo attacco insieme alla compagna di squadra Soraya Paladin (Ale Cipollini), Rasa Leleivyte (Aromitalia Vaiaino) ed Elena Franchi (Aromitalia Vaiano). Il finale di gara è stato caratterizzato tutto dalla sfida delle due squadre più forti oggi a Roma; Aromitalia Vaiano e Ale Cipollini. Poi l’azione finale e la lunga volata vincente di Marta Bastianelli. (Foto di Flaviano Ossola)

Ordine d’arrivo “GP della Liberazione Pink” a Roma:
1) Marta Bastianelli (Alè – Cipollini – Galassia) Km 96 in 2h35’ alla media di 37,161 Km/h
2) Rasa Leleivyte (Aromitalia – Vaiano – Fondriest)
3) Soraya Paladin (Alè – Cipollini – Galassia) a 13”
4) Letizia Paternoster (Veneto) a 19”
5) Silvia Persico (Team Valcar – PBM)
6) Michela Pavin (GS Top Girls – Fassa Bortolo)
7) Michela Balducci (Team Giusefredi – Bianchi)
8) Elena Franchi (Aromitalia – Vaiano – Fondriest)
9) Marta Cavalli (Team Valcar – PBM)
10) Ilaria Sanguineti (BePink – Cogeas)

Nando Aruffo e Livio Iacovella – Ufficio Stampa G.P. della Liberazione Pink

Comments are closed.