Campionati del Mondo su Pista: Azzurre quarte nell’Inseguimento. Oro agli Stati Uniti

Pubblicato 14 Aprile 2017 | Pista

Alla fine di una gara dominata per tre quarti e poi vanificata dalla rottura del trenino nei giri finali, l’Italia resta ai piedi del podio nell’inseguimento a squadre femminile. Sciacquato l’amaro in bocca per la medaglia svanita quando sembrava ormai a portata di mano, o meglio, a portata delle gambe azzurre che prima dell’inconveniente giravano a meraviglia, resta a mente fredda un risultato da incorniciare: lo storico approdo in una finale mondiale, il record italiano migliorato nelle qualifiche, un torneo che ci colloca tra le quattro nazioni al vertice della specialità olimpica. Il “salto” di una componente del quartetto fa parte degli imprevisti che possono capitare a un gruppo di giovani catapultate in confronti di tale intensità e livello tecnico. Di certo, l’appuntamento con il podio è soltanto rinviato. Il 4’26”562 della finale per il bronzo non fa testo. Le azzurre hanno mostrato di valere già ora un tempo inferiore ai 4’20”. Alla Nuova Zelanda è bastato correre in 4’21”778 per vincere questa sfida.

Salvoldi esaminerà con le ragazze cosa non ha funzionato. Intanto mettiamo nel paniere questo piazzamento che migliora il sesto posto di Rio e procediamo nel lavoro con Tokyo 2020 nel mirino. La sfida per l’oro tra gli Stati Uniti e l’Australia è stata avvincente. Ancora una volta le statunitensi hanno perso anzi tempo una componente del quartetto (capita anche a loro…), ma le tre rimaste sono riuscite egualmente restare unite e a prevalere in 4’19”413 sulle australiane, argento in 4’19”830 dopo aver sfiorato la grande impresa. Nella giornata si è assegnato anche il titolo del keirin maschile. Oro al malese Azizulhasni Awang Mohd, che non stava più nella pelle per aver realizzato un sogno sfiorato più volte. argento al colombiano Fabian Hernando Puerta Zapata, bronzo al ceco Tomas Babek. (Foto di Flaviano Ossola)

INSEGUIMENTO A SQUADRE:
– FINALE 1-2:
1) STATI UNITI (Catlin Kelly, Dygert Chloe, Geist Kimberly, Valente Jennifer) 4’19”413
2) AUSTRALIA (Cure Amy, Ankudinoff Ashlee, Manly Alexandra, Wiasak Rebecca) 4’19”830

– FINALE 3-4:
3) NUOVA ZELANDA (Drummond Michaela, Sheath Racquel, Buchanan Rushlee, Nielsen Jaime) 4’21”778
4) ITALIA (Balsamo Elisa, Frapporti Simona, Valsecchi Silvia, Francesca Pattaro) 4’26”562

Comunicato Stampa a cura della F.C.I. – www.federciclismo.it

Comments are closed.