Campionati del Mondo Juniores su Pista: esordio amaro per le inseguitrici azzurre

Pubblicato 19 Agosto 2015 | Pista

Comincia nel modo peggiore per l’Italia il Mondiale su Pista Juniores ad Astana, in Kazakistan. Purtroppo il quartetto delle azzurrine, campione europeo e primatista del mondo dell’inseguimento a squadre, sul quale si nutrivano fondatissime speranze, è stato squalificato per doppia partenza falsa nelle qualificazioni. Salvoldi aveva schierato Martina Alzini al posto di Marta Cavalli con Sofia Bertizzolo, Sofia Balsamo e Rachele Barbieri, unica differenza rispetto alla formazione che ha trionfato ad Atene. Il rammarico aumenta alla luce dei tempi ottenuti dalle squadre che hanno passato il turno ad Astana. Il migliore è stato ottenuto dalla Nuova Zelanda in 4’35”155, un gran bel crono, migliore di circa un secondo rispetto al precedente record mondiale stabilito nel 2013 dalla Gran Bretagna a Glasgow, ma peggiore di quasi due secondi rispetto a quello stabilito dall’Italia ad Atene.

Sarebbe stata una sfida emozionante per l’oro. Se poi si considera che il secondo miglior tempo è stato ottenuto dalla Russia, quarta ad Atene, in 4’46”046, poco meglio dell’Australia (4’46”347), possiamo parlare di una medaglia persa senza neppure gareggiare. Torneremo in seguito su questo episodio, ma ora bisogna assorbire al più presto il colpo e guardare avanti. Siamo certi che le azzurrine sapranno riscattarsi nelle gare che ancora le attendono. (Foto tratta dalla pagina Facebook dei Campionati del Mondo su Pista Juniores – https://www.facebook.com/pages/2015-UCI-Juniors-Track-Cycling-World-Championships/995218090523343?fref=ts)

ORDINE D’ARRIVO QUALIFICAZIONI INSEGUIMENTO A SQUADRE:
1) Nuova Zelanda (Botha Bryony, White Holly, Park Madeleine, Drummond Michaela) m 4000 in 4’35”.155
2) Russia (Selina Kristina, Studenikina Natalia, Novikova Oksana, Levchenko Viktoria) in 4’46”.046
3) Australia (Mckinnirey Danielle, Saunders Tori, Moran Chloe, Macdonald Nicola) in 4’46”.347
4) Giappone (Kajihara Yumi, Suzuki Nao Hashimoto Yuya Furuyama Kie) in 4’47”.812
5) Germania(Ebert Michaela, Sussemilch Laura, Ostler Lena, Breitenfellner Katja) in 4’49”.065
6) Kazakistan (Akhmetcha Rinata, Seitova Zhanuya, Pastarnak Viktoriya, Geneleva Tatyana) in 5’05”.422
DSQ – Italia (Martina Alzini, Sofia Bertizzolo, Elisa Balsamo, Rachele Barbieri)

Ufficio Stampa F.C.I. – www.federciclismo.it

Comments are closed.