Campionati Italiani Ciclocross Pezze di Greco: le interviste alle nuove maglie tricolori

Pubblicato 12 Gennaio 2015 | Ciclocross / MTB

Il campionato italiano di ciclocross è l’obiettivo di un’intera stagione e in molti a Pezze di Greco (Brindisi) non hanno tradito le attese sul percorso disegnato da Vito Di Tano.

ELITE UOMINI – Marco Aurelio Fontana, lombardo, al settimo titolo tricolore nel ciclocross tra gli élite più quattro nel cross country: “ Sono riuscito a fare la mia gara correndo in maniera intelligente su un percorso tecnico, veloce e difficile da interpretare. Il pubblico pugliese ha risposto molto bene, sono stato in questa regione l’anno scorso, ho conosciuto la gente del posto e il grande seguito attorno a Vito Di Tano. Dedico questa vittoria alla moglie di Vito (Livia Gentile), una persona stupenda a fianco di un uomo straordinario, e a Walter Belli (atleta downhill, caduto lo scorso ottobre in allenamento in Austria riportando la frattura della seconda e terza vertebra cervicale) che sta lottando e merita un grande Forza Walter “.

ELITE DONNE – Eva Lechner, altoatesina, argento ai mondiali ciclocross 2014, dal 2009 sempre in maglia tricolore in questa specialità: “ È stata la giornata perfetta, nonostante il caldo. Mi sono divertita con tanta gente a farmi il tifo su un tracciato asciutto, veloce e tecnico, con rampe ed ostacoli. Un ottimo viatico per puntare dritta al podio iridato di Tabor “.

UNDER 23 UOMINI – Nadir Colledani, di Castelnuovo del Friuli (Pordenone), al primo titolo tricolore under 23 in carriera, già vinto nel 2011 da allievo nel cross country, secondo in classifica finale al Giro d’Italia di Ciclocross tra gli under 23: “ Un’emozione fortissima, non ci credo ancora. Dalla tappa finale di Roma al Giro d’Italia che sto andando forte e sono riuscito a fare altrettanto anche qui in Puglia. Una domenica che ricorderò per sempre. In gara ho visto che Bertolini non ha affondato e ho preso più vantaggio possibile per meritarmi questo titolo italiano che dedico alla mia splendida famiglia, alle persone che mi vogliono bene, compresa la mia fidanzata, a Daniele Pontoni e alla Trentino Rosa. Il Mondiale di Tabor? Ci spero nella maglia azzurra ma per adesso godiamoci questa maglia “.

UNDER 23 DONNE – Alice Maria Arzuffi, di Seregno (Monza-Brianza), vincitrice del Giro d’Italia di Ciclocross, sesta maglia tricolore in carriera, la più bella conquistata sotto gli occhi di Vito Di Tano con un abbraccio tra i due a fine gara: “ Sono contenta per questa maglia, sono andata via al secondo giro, ho gestito il distacco e non ho rischiato molto per rivincere il titolo. Un percorso veloce, dove si doveva spingere e fare molta attenzione ai tratti tecnici. La dedica è speciale e va al mio allenatore Vito Di Tano per onorare al meglio questo campionato italiano ed è come se avessi vinto a casa mia “.

JUNIORES UOMINI – Jakob Dorigoni, di Bolzano, già campione italiano allievi di ciclocross un anno fa ad Orvieto: “ Complimenti al mio avversario Stefano Sala, era imbattibile e non si poteva staccarlo. Solo in volata potevo riuscirci, perché sono più veloce rispetto a lui. Grazie al mio direttore sportivo Davide Arzeni che mi ha aiutato a memorizzare tutte le insidie e i punti critici del percorso. Era molto bello, ricco di buche e di fossati “.

JUNIORES DONNE – Sofia Beggin, di Bastia di Rovolon (Padova), primo titolo italiano di ciclocross in carriera, nel 2014 seconda agli italiani su strada, azzurra al Mondiale di Ponferrada e medaglia d’oro alle Olimpiadi Giovanili di Nanchino: “ Ci speravo tantissimo anche se temevo le mie avversarie, molto agguerrite alla partenza. Percorso tecnico, ancor più difficile con la presenza dei fossi ma bisognava anche spingere sui rettilinei. Il ciclocross? Per me farlo significa giocare con la bicicletta e su questo percorso sono riuscita a fare altrettanto “.

DONNE ALLIEVE 1°ANNO – Nicole Fede, di Cuneo, 6 vittorie in stagione, atleta polivalente tra cross, strada e pista: “ È stata una bella soddisfazione vincere il titolo italiano. Sono partita con grinta e determinazione per cercare questo grande risultato che è puntualmente arrivato “.

DONNE ALLIEVE 2°ANNO – Sara Casasola, di Maiano (Udine), 15 vittorie in stagione, già protagonista della doppietta campionato italiano-Giro d’Italia Ciclocross anche nel 2014: “ Ho mantenuto la calma per la caduta iniziale in partenza, poi la fortuna è stata dalla mia parte. Questa maglia va alla mia intera famiglia, alla mia società e a tutti coloro che sono al mio fianco “.

DONNE ESORDIENTI 1°ANNO – Marta Zanga, di Albino (Bergamo), 10 vittorie a stagione in corso nel ciclocross: “ Una bella emozione, una gara dura, la seconda classificata alle mie spalle, Emma Faoro, non ha mollato ma quando ha cambiato bicicletta, ne ho approfittato e sono riuscita a vincere “.

DONNE ESORDIENTI 2°ANNO – Alessandra Grillo, di Mariano Comense (Como), già campionessa d’Italia tra le esordienti primo anno un anno fa ad Orvieto: “ Una gara combattutissima, quando mi sono trovata fra le prime, ci ho creduto ed ho insistito fino alla fine meritandomi questa vittoria “.

ELITE MASTER DONNA – Sabrina Di Lorenzo, di Nettuno (Roma), tricolore uscente ad Orvieto 2014, a segno al recente Giro d’Italia di Ciclocross: “ Una gara tutta in rimonta dopo un problema iniziale, poi da biker pura la parte tecnica del percorso mi si addiceva alla perfezione e ho dato tutta me stessa fino alla fine “.

MASTER DONNA 1 – Chiara Selva, di Maniago (Pordenone), terzo titolo tricolore consecutivo nel cross, campionessa italiana 2014 cross country e argento europeo nei master: “ Sono molto affezionata ai campionati italiani ma all’inizio ero un po’ tesa su come interpretare questo percorso pieno di insidie con tratti da spingere oltre alle rampe e agli ostacoli “.

MASTER DONNA 2 – Paola Maniago, di Pordenone, vincitrice a stagione in corso della tappa di Rossano Veneto al Giro d’Italia di Ciclocross: “ Sono andata via tranquilla con la mia andatura, l’unico rischio era quello di non subire forature e incidenti perché i box erano abbastanza lontani. Non ho sofferto il caldo, l’importante è stato arrivare prima delle altre e mettermi addosso la maglia tricolore “.

Le classifiche complete sono consultabili al link http://www.icron.it/services/classifica/icron.php?page=1&numRows=50&gara=2015031 per le gare della domenica; http://www.icron.it/services/classifica/icron.php?page=1&numRows=50&gara=2015030 per le gare del sabato

Ufficio Stampa Campionati Italiani Ciclocross Pezze di Greco 2015

Comments are closed.